World AIDS day 2018

World AIDS day 2018

In occasione della giornata mondiale contro l’AIDS è uscita la notizia che in Europa, e anche in Italia, la sieropositività e i casi di AIDS sarebbero costanti, anzi seguendo una troppo lenta diminuzione, tra i giovani.

Ma come? Come è possibile, dico io, nel 2018 avere ancora un’incidenza così significativa di questa malattia?

E’ stato detto che i giovani non sono preparati, che non sanno a quali rischi si va incontro adottando certi comportamenti: ma sarà vero? Mi sembra paradossale che nell’era dell’informazione accessibile, di internet, un giovane non possa davvero sentirsi informato, anche in materia di malattie sessualmente trasmissibilie e comportamenti a rischio.

Su una cosa, però, devo ammettere che forse la stampa, o forse il senso comune, ha ragione: gran parte dei giovani non fa uso abituale del preservativo, che ad oggi continua ad essere il miglior modo per difendersi dal contagio – non solo dal virus dell’immunodeficienza acquisita, ma anche da una lista lunghissima di malattie veneree (papilloma virus umano, sifilide, gonorrea, candidosi…e chi più ne ha, più ne metta…) e davvero pericolose, soprattutto per la prognosi, ahimè spesso infausta (per esempio l’epatite B e C). Consiglio di dare un’occhiata al sito del Ministrero della Salute per aver un’idea più concreta…

Val la pena di ricordare due cose:

  1. l’AIDS non è una malattia che colpisce solo la popolazione gay, come si credeva un tempo, quand’era chiamata GRID (Gay-related Immune Deficiency). Visitate questo sito…è ben spiegato. Il virus HIV viene veicolato dai fluidi corporei – quindi anche sangue e sperma – e passa le mucose, o anche le ferite aperte. Quindi attenzione, soprattutto in occasione di rapporti occasionali.
  2. l’AIDS non riguarda solo il sesso, ma si può passare anche attraverso la condivisione di strumenti infetti, come siringhe o aghi per chi si droga…

E oggi scelgo questa immagine per salutarvi…
E’ uscito proprio in questi giorni “Bohemian Rhapsody”, il docu-film sulla prima parte della carriera musicale dei Queen e di Freddie Mercury, strappato alla vita 27 anni fa dall’HIV.

fuck_aids

lasoffittadielisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *